L’I.p.a.b. “Emma e Decio Ripandelli” è espressione di un impegno sociale e civile volto a favorire il benessere e l’inclusione sociale dei minori, dei giovani, delle donne e delle famiglie che versano in condizioni di disagio e sono a rischio di emarginazione.

Per benessere si intende “lo stato emotivo, mentale, fisico, sociale e spirituale di ben-essere che consente alle persone di raggiungere e mantenere il loro potenziale personale nella società” come definito dall’OMS.
Il concetto di inclusione sociale è multidimensionale e considera i vari aspetti del benessere personale e collettivo. Concerne la possibilità, per tutti gli individui e i gruppi, di raggiungere degli standard essenziali della vita, l’integrazione all’interno delle relazioni sociali, la diminuzione delle disparità e sottende un processo di partecipazione equo. Il termine disagio è qui da intendersi come disagio sociale: “una situazione, prolungata nel tempo, in cui il soggetto, per specifiche condizioni, non è in grado di utilizzare pienamente le proprie risorse e le opportunità offerte dalla società, e alternativamente o contemporaneamente si isola o suscita rigetto da parte della società stessa. Si manifesta cioè come un problema sociale per la soluzione del quale è opportuno, e talvolta indispensabile, un intervento”

Assistenza anziani


Asilo Nido


Scuola dell'infanzia